Calcola la potenza necessaria per il tuo impianto

QUALE POTENZA OCCORRE PER RAFFREDDARE UN LOCALE CON IL CONDIZIONATORE D’ARIA?

Il principale parametro di un condizionatore d’aria è la sua potenza refrigerante, la potete trovare espressa in Watt (o multipli come il kW) oppure, in minor misura, in Btu/h (British thermal unit/hour).

Entrambi indicano la potenza (erogata o erogabile) di un climatizzatore. Più esattamente la capacità di “sottrarre” da un locale il calore in un’ora di funzionamento. È senza dubbio il dato fondamentale da valutare al momento dell’acquisto.

Ovviamente i climatizzatori a pompa di calore possono anche scaldare i locali: l’unità esterna invertirà il proprio ciclo di funzionamento, ideale per le “mezze stagioni” ovvero con temperature esterne di circa 8/10° C.

Ci sono molti fattori da utilizzare per calcolare la potenza necessaria: l’ampiezza dei locali, la superficie finestrata, l’esposizione, i locali confinanti, la tipologia del locale e non da meno l’isolamento dell’abitazione. Ovviamente un locale in classe energetica A necessita di meno potenza rispetto ad uno in classe energetica F.

Per quanto il calcolo che vi proponiamo di seguito sia abbastanza verosimile, è proprio per i motivi elencati sopra che si rende necessario un sopralluogo di un tecnico specializzato.

Inseriti i dati richiesti, per ottimizzare ancora di più’ il risultato, potrete poi scegliere l’utilizzo che intendete fare dell’impianto: sia che stiate optando per il raffrescamento, sia se avete l’intenzione di utilizzare l’impianto come unica fonte di riscaldamento (riscaldamento primario).

NOTA IMPORTANTE

Il risultato ottenuto, seppure fortemente verosimile, è da considerarsi generico. E’ solo l’installatore esperto che, dopo un sopralluogo tecnico in loco, può determinare l’effettivo fabbisogno frigorifero/termico di un ambiente e il miglior tipo d’impianto da realizzare.

Un piccolo trucco per migliorare la stima: al risultato finale aggiungete il 10% se il locale è di basso coefficiente di isolamento, se è ben isolato invece detraete il 10%.

Tenete comunque presente che il climatizzatore dovrà essere sempre leggermente sovradimensionato (mai eccessivamente), rispetto al risultato ottenuto, per sopperire alle perdite di rendimento dovute alle estreme temperature esterne che ormai spesso si verificano.

Per un preventivo mirato rispetto alle tue esigenze passa in negozio oppure contattaci.