Agevolazioni Fiscali

Le agevolazioni sotto riportate avranno termine il 31 Dicembre 2018. Eventuali proroghe o modifiche saranno tempestivamente comunicate.

AGEVOLAZIONE FISCALE 50% (ex 36%)
SOLO LEGGE VALEVOLE PER PRIVATI PERSONE/FISICHE – NO DITTE INDIVIDUALI/SOCIETA’

Agevolazione valida solo per impianti in pompa di calore e per impianti che fungono da integrazione all’impianto di riscaldamento.
Per i lavori di installazione e manutenzione di impianti eseguiti in immobili ad uso civile/abitazione (Cat. A – escluso A/10) e parti comuni di edifici residenziali situati nel territorio dello stato, il proprietario dell’immobile incluso anche tutti coloro che sono titolari di diritti reali sull’ immobile oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese, nonché chi occupa l’immobile a titolo di locazione o comodato, con il consenso del possessore dell’immobile, possono usufruire delle seguenti agevolazioni fiscali:

DETRAZIONE FISCALE DEL 50%

NEL CASO DI SOLA INSTALLAZIONE DEL CLIMATIZZATORE:

In questo caso le formalità e gli adempimenti previsti dalle disposizioni di legge dovranno essere espletati in conformità alla legge stessa.

NEL CASO DI RISTRUTTURAZIONE DELL’ABITAZIONE:

Nel corso di una ristrutturazione e/o recupero di un immobile anche l’ impianto di climatizzazione può essere inserito come costo sostenuto. Al beneficio spetta fino ad un tetto massimo di spesa di 96.000 €. per anno d’imposta e per ogni immobile sul quale vengono eseguiti gli interventi di recupero edilizio.

Per beneficiare della detrazione del 50% per l’acquisto e l’installazione di un climatizzatore d’aria non ci sono autorizzazioni da richiedere. E non bisogna mandare nessuna comunicazione o raccomandata all’Agenzia delle Entrate o al centro Operativo di Pescara.

ATTENZIONE:

Per entrambe le opzioni l’unica modalità di pagamento valevole ai fini del recupero fiscale è il BONIFICO CON “RITENUTA”. Al momento del pagamento fatto OBBLIGO comunicare al Vs. Istituto Bancario detto bonifico è soggetto a ritenuta ovvero eseguibile con il relativo modulo. NON CI SONO ALTRE MODALITA’, pena la perdita della possibilità dell’intera detrazione. Basta dirlo allo sportello della tua banca quando fai il pagamento oppure usa l’apposita funzione sull’home banking della tua banca, se questa funzione è presente.

“ESEMPIO DI PAGAMENTO”


I.V.A. AGEVOLATA AL 10%

L’agevolazione spetta nei seguenti casi:

  • Installazione di apparecchio climatizzatore dotato di POMPA DI CALORE. (caldo e freddo)
  • Per ristrutturazione, recupero immobile uso civile abitazione, relativamente alla quale dovete consegnarci copia della Concessione Edilizia o DIA (in corso di validità).

ATTENZIONE

Non tutta la prestazione è soggetta alla singola I.V.A. 10%. Il valore è determinato tra il rapporto del valore del bene strumentale ed il valore della mano d’opera con gli accessori. Quindi una parte della prestazione potrà essere soggetta ad I.V.A. al 22%.

Nel caso di Vs. dichiarazione con allegata copia D.I.A. Tutta l’ I.V.A. potrà essere al 10%.

Le agevolazioni fiscali per i privati sopra menzionate (DETRAZIONE FISCALE 50% ED I.V.A. AGEVOLATA 10%) sono cumulabili.
Per i dettagli chiedere a ns. incaricato

AGEVOLAZIONI FISCALI (EX 65% ORA 50%)
SI INTENDONO SOLO PER LA SOSTITUZIONE INTEGRALE DELL’IMPIANTO DI RISCALDAMENTO.
SOLO LEGGE 296/06 VALEVOLE SIA PRIVATI PERSONE/FISICHE CHE DITTE INDIVIDUALI/SOCIETA’

Buona parte dei climatizzatori e degli impianti che noi realizziamo, per la qualità dei prodotti stessi, possono rientrare nel Recupero Fiscale al 50%; la procedura per poter ottenere tale agevolazione è complicata e non sempre possibile, discutibile di volta in volta.
È obbligatoria la comunicazione telematica all’ENEA, ai fini del monitoraggio e della valutazione del risparmio energetico conseguito.
Per i dettagli chiedere a ns. incaricato

DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Cosa fare. Nulla di complicato.
Si tratta di una detrazione fiscale dall’imposta IRPEF. Si gestisce attraverso la dichiarazione dei redditi (Modello 730/Modello Unico), come tutti gli altri costi deducibili e detraibili nella parte dedicata agli sgravi fiscali. Le apposite sezioni sono la III A e III B – Quadro E del modello 730 e la III A e III B – Quadro RP del Modello Unico. Bastano pochi minuti. Comunque chiedi sempre al tuo CAF o al tuo commercialista.

Per maggiori informazioni, consultare la guida operativa dell’Agenzia delle Entrate.